Sito ufficiale Comune di Porano

  1. Siete qui:
  2. Home page
  3. > La Città
  4. > Evidenze monumentali
  5. > L'Abbazia di San Niccolò e il monaco Graziano

L'Abbazia di San Niccolò e il monaco Graziano

L'Abbazia di S. Niccolò, fondata nel 1007, fu riordinata da S. Romualdo: "Abbatiae S.Nicolai fundator, vel restaurator facile fuerit Romualdus" (Annales Camaldolenses, tomo III, pagg.222,225 e in libro XXIX), in questo luogo è stato infatti rinvenuto un capitello in marmo bianco con lo stemma della congregazione dei Camaldolesi.

la badia durante una festa

Nel 1118 il monastero entrò in possesso della famiglia dei Bulgari, conti di Marsciano e proprietari del Castello di Parrano. È citata nel catasto del 1292 come Villa Abbatie Montis Orvietani, all'interno del piviere di Ficulle, con riferimento alla abbazia che successivamente diede il nome ad una villa. A quella data (secondo il Pardi) rappresentava la comunità religiosa che nel territorio Orvietano disponeva dei maggiori possedimenti. Nell'Abbazia di S. Niccolò, nei primi anni del XII secolo rivestì l'abito monacale il Magister Gratiano, il monaco camaldolese, illustre giurista e fondatore del diritto canonico, nato a Ficulle in loc. Carraia. Nel "De viris illustribus" di Giovanni Colonna del 1335 si legge: "Gratianus monachus Abbatiae Montis Orbetani dioecesis Urbevetanae ex oppido Carraia prope Ficulas homo studiosissimus fuit".

interno della badia

A Graziano si deve un'opera imponente, il primo tentativo di conciliare le varie contraddizioni che scaturivano ormai copiose dai testi sacri, grazie a varie opere come il "Sic et non" del filosofo Abelardo. Attingendo gran parte dalla "Panormia" di Ivo de Chartres e da altre collezioni che erano nate copiosamente nel periodo gregoriano, scrisse il famoso "Concordia discordantium canonum", passato poi alla storia come "Decretum Graziani" o "Corpus iuris canonici". Nell'ambiente bolognese, attivissimo nel campo del diritto civilistico grazie all'opera di Irnerio e dei suoi seguaci, non passò troppo tempo che anche il diritto canonistico cominciò a riscuotere successo, anche se la maggior diffusione la ebbe in Francia e Germania grazie alle summae di Rolando e del francese Rufino, dando vita al fenomeno della decretistica.

Tra le tante citazioni, una delle ultime più autorevoli - che è citazione di un'altra citazione tratta dalla "Divina Commedia "- è quella di Giovanni Paolo II che, in occasione della presentazione ufficiale del "Nuovo Codice di Diritto Canonico "ebbe a dire: "A questo riguardo mi sia consentito, fra le tante figure di canonisti e giuristi, meritatamente famosi, nominare almeno il monaco Graziano, l'autore del "Decretum" ("Concordia discordantium canonum"), che Dante colloca nel quarto suo cielo, tra gli spiriti sapienti, in compagnia di sant'Alberto Magno, di san Tommaso d'Aquino e di Pietro Lombardo, esaltandolo perché "l'uno e l'altro foro / aiutò sì che piace in paradiso" (Dante Alighieri, La Divina Commedia, "Paradiso" X, 104-105)."

data pubblicazione: 15 agosto 2007

Progetto ”Comuni Accessibili“

comuni accessibili

Progetto per i nuovi diritti di cittadinanza digitale

Con il contributo di

Crediumbria, banca di credito cooperativo

Partecipano al progetto i comuni di:

Realizzazione a cura di

Logo akebia

Per maggiori infomazioni leggi questo documento

Powered by Akebia | Web Content Management System Smart Control

Valid XHTML 1.0 Strict

Valid CSS2